SBARRA: GRAZIE ALLA FP

Categoria: NOTIZIE Funzione Pubblica FP
Pubblicato Giovedì, 17 Marzo 2022 13:42
Visite: 465

SBARRA AL CONGRESSO NAZIONALE FP CISL

Grazie alla Cisl Fp per il sostegno che in questi anni così duri non ha mai fatto mancare a chi ha permesso il funzionamento di uffici pubblici centrali e periferici, ospedali, enti locali, terzo settore. Voi e loro infaticabili al servizio del paese”. Luigi Sbarra, il segretario generale della Cisl, nel suo intervento a Napoli, al congresso della Cisl Funzione Pubblica, ha ricordato l’operato di tutte quelle categorie di lavoratori che in fase pandemica hanno consentito all’ Italia di resistere ed andare avanti con coraggio, orgoglio e dignità.

“I lavoratori pubblici, una Pubblica Amministrazione dinamica e generativa, possono davvero essere la carta vincente da giocare nella sfida per la crescita che abbiamo di fronte a noi.” Ha detto Sbarra, ribadendo che è arrivato il tempo di “voltare definitivamente pagina rispetto agli ultimi decenni in cui i dipendenti pubblici sono stati il “parafulmine” di governanti, politici e commentatori che troppo spesso, per nascondere limiti ed incapacità, hanno preferito individuare colpevoli e costruire alibi, invece di cercare soluzioni, con tutte le conseguenze del caso: tagli lineari feroci agli investimenti, criminalizzazione dei lavoratori e totale abbandono dei settori e delle strutture pubbliche. “Il momento di svolta c’è stato il 10 marzo di un anno fa, con la firma del Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale- ha aggiunto Sbarra, precisando che con la firma di quell’Intesa, dal punto di vista del metodo e del merito, si è entrati in una fase nuova, che esalta il ruolo delle relazioni industriali e sposta finalmente il baricentro della regolazione lavoristica dalla legge ai contratti”. “Ora bisogna attuare tutti i punti di quell’accordo”. ha spiegato il leader della Cisl.

Per il sindacalista è “tempo di compensare la lunga stagione dei tagli con un grande investimento nei comparti della pubblica amministrazione, sanità pubblica e privata, enti locali, funzioni centrali, terzo settore, tutti segmenti indispensabili per trasformare le risorse del PNRR in cantieri concreti. Bisogna sbloccare le assunzioni, stabilizzare i precari, sviluppare la contrattazione, alzare i salari, puntare su formazione, innovazione, digitalizzazione”. La Cisl è pronta alla sfida del rinnovo delle Rsu dal 5 al 7 aprile con la sua Federazione del Pubblico impiego, con il lavoro di rappresentanza e di contrattazione che portano avanti migliaia di delegati con passione e competenza, giorno dopo giorno. “Più sarà forte il modello sindacale autonomo, responsabile e partecipativo della Cisl, più tutto il lavoro pubblico avra’ la sua giusta valorizzazione, ponendosi al centro delle sfide della ripartenza del paese”. Ha concluso il numero uno di via Po. (da cisl.it)

ustcislpavialodi©2022